IL GIAGUARO CON LA CODA TRA LE GAMBE

22 01 2014

Lo scambio Guarin – Vucinic non è andato in porto.  Il regalo ai gobbi non è arrivato e pace all’anima loro. Di questo dobbiamo ringraziare Moratti e Thohir, non certo chi ha avviato le trattative, ma andiamo con ordine:

GUARIN da quando ha cominciato a vedere che l’INTER era in difficoltà ha deciso di andare alla Juve senza dire niente alla società e sapendo che poteva essere ceduto all’estero, ha chiamato i Gobbi raggiungendo l’accordo di nascosto. A quanto pare la cosa non era così segreta tanto più che a Genova è partito dalla panchina. E’ chiaro che ci serve una punta ed alcuni Dirigenti dell’Inter a chi pensano? Alla Juve, ma certo! A Vucinic! A noi tifosi sani di mente i conti non tornano, va bene che GUARIN vuole essere ceduto, ma non alla Juve, semmai all’estero e cash (15 mln),  e magari con quei soldi ci compriamo HERNANES.

A guardare le dinamiche si resta basiti: GUARIN (abile) ha 27 anni vale circa 15 mln, VUCINIC (rotto) di anni ne ha 30 e vale 7/8mln, se scambio dev’essere e sottolineo se,  prego passare dalla cassa e dare il conguaglio di 7/8mln. Invece hanno cercato di farci abboccare e noi o megli alcuni dirigenti hanno abboccato, ma il dubbio è “ci sono o ci fanno”.

GUARIN vuole andarsene? Bene, deve andarsene, noi i giocatori senza maglia ed onore non li vogliamo,  che se ne vada pure ma al giusto prezzo, se decide di fare i capricci non gioca e salta il mondiale.

Vogliamo ricordare la trattativa INTER – JUVE per ISLA?  Non lo hanno mollato (per fortuna) perchè volevano 7,5 mln per la metà, non hanno accettato e lui è rimasto gobbo. Perchè loro si e noi no! Siamo tornati agli anni bui del servilismo di Moggiana memoria dove tutto era dovuto? Una provocazione: se si parlava di Milan avremmo assistito allo stesso teatrino?

Purtroppo i nostri dirigenti non capiscono o fanno finta di non capire, quindi sono loro il nostro primo problema, anche se questo era già risaputo da tempo.

Il GUARO c’è rimasto male, come noi, solo che noi teniamo alla nostra squadra, soprattutto nei momenti difficili, lui è stato scoperto ed ora ci sarà da ridere. Adesso dovrà cominciare a correre (ed era ora) ma tanto, con la coda tra le gambe per non sentire fischi e cori dalle tribune.

FORZA INTER!

Annunci




FLOP

10 01 2014

Fuori dai giochi anche in Coppa Italia, Inter sconfitta per 1-0 a Udine e tanti saluti. Abbiamo perso, contro una squadra discreta, un’eventuale possibilità per l’Europa. Timidi ed impacciati, nonostante Milito (punta vera) in campo, non siamo riusciti a svagliarci. Questa volta la formazione era più votata all’attacco, ma il risultato finale è stato deludente. Errori, imprecisioni, paura di sbagliare, questo si vedeva in campo. Non sappiamo ancora se il risultato positivo, se proprio vogliamo trovarlo, è aver convinto Thohir ad aprire il portafoglio, stà di fatto che attendere troppo a rinforzarsi può rivelarsi pericoloso. Veniamo da un fine stagione 2012/2013 che ha dell’incredibile, diciamo che non è stato piacevole perdere nella normalità. Anche al Friuli un rigore non dato, ennesima recriminazione. Sono quattro partite consecutive dove manca un rigore, non dubbio ma sacrosanto e non parliamo delle giornate senza penalty, gli avversari sono tutti premurosi quando giocano contro di noi?….non sembra, anzi!  Non si vuole pensare male ma…….

Purtroppo anche il Capitano, il nostro Grande Capitano è stato trascinato nel flop. Affidargli ancora il ruolo di titolare non è stata una grande pensata, ha giocato per un’ora senza riuscire a contribuire positivamente alla causa. Il campo non perdona, il tempo inesorabilmente passa per tutti anche per le leggende come Zanetti. E’ stato un piacere vedere il pubblico di Udine  che si scaldava applaudendo il nostro Capitano dalle friulane origini. Zanetti non si discute, in lui la passione e la voglia di calcio è unica ed ammirevole, una leggenda vivente. Il Capitano può ancora dare tanto alla squadra  nello spogliatoio, qualcosa di meno in campo.