DERBY MAGIA : PALLA C’E’, PALLA NON C’E’…..TACCO, RETE!

23 12 2013

Ieri sera MAGIA! Rodrigo ha preso la palla, l’ha nascosta sotto il tacco e con un colpo da vero campione l’ha telecomandata in rete. Abbiati la cercava sotto l’erba o nelle borse dei fotografi, senza pensare che a gonfiare la rete non era stato l’urlo dei tifosi interisti ma il pallone della vittoria nerazzurra. Abbiamo vinto il derby, chiudendo l’anno col sorriso, una gara importante, anche per la classifica, nostra……e del Milan.

Derby senza gli striscioni delle curve, le coreografie, gli sfottò, i cori, insomma senza quel pepe che rende più coinvolgente ogni partita. Un segno di protesta civile contro delle decisioni che hanno dell’incredibile ed a risentirne, ovviamente è il “calcio”. Il calcio dei bambini e non che alla fine delle scale, nell’entrare nel catino di S.Siro hanno un groppo in gola per quanto  affascinati dai colori del prato, dagli striscioni, dai cori. Ogni atto di violenza è inaccettabile e dev’essere condannato ma sanzionare per “discriminazione territoriale” è semplicemente ridicolo. Quanti parlamentari (pagati a suon di noccioline) discriminano per la provenienza da alcune zona d’Italia? Vogliamo chiudere il Parlamento? Per carità!…..   

Venendo all’incontro, l’Inter nel primo tempo era partita forte ma il Milan riusciva ad essere aggressivo, almeno nei primi 25 minuti. Le due squadre non volevano scoprirsi ed il risultato era uno spettacolo al limite della “depressione”. Nel finale tornava l’Inter, che avrebbe meritato il vantaggio con qualche buono spunto, uno dei quali portava al rigore (!) netto su Palacio, non sanzionato, ma come tutti sanno i rigori all’Inter non si fischiano ed allora tutti sotto la doccia!

A inizio ripresa, Allegri cambiava qualche pedina e (finalmente) anche Mazzarri inseriva Kovacic per Taider.  Il ragazzo riusciva a far girare maggiormente il pallone coi nerazzurri che si facevano preferire, nonostante le squadre si allungassero.
Kuz subentrava a Zanetti  e si piazzava a sinistra per poi prendere il posto del Cuchu davanti alla difesa con l’ingresso di Icardi.  Il serbo entrava bene in gara e l’Inter iniziava a costruire delle buone trame fino al gol nerazzurro con Guarin abile a mettere dentro per Palacio. Negli ultimi minuti Allegri tentava la carta dell’ex con Pazzini ma erano ancora  i nerazzurri i più pericolosi in contropiede.

Partita entusiasmante nel finale ma con tante perplessità nella prima parte. Un derby in cascina, il nostro terzo posto a 5 punti, ed un Milan a 5 punti dalla zona retrocessione, un Natale più sereno per tutto l’ambiente, un Natale MAGICO.

 

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: