QUANTE DOMANDE!

9 05 2013

Pioggia di record negativi a S.Siro, con Inter – Lazio 1-3 si tocca la 15° sconfitta stagionale in campionato !!  (non avveniva dal 1946-47) e fuori dall’Europa per la prima volta dopo 14 anni. Giusto per non chiudere senza emozioni una bella lenzuolata di domande dalla Curva. In modo civile e composto è uscito tutto in una serata,  una voce silenziosa ma chiara e forte ha colpito nella forma e nei contenuti. Il Presidente ha definito la contestazione “Civilissima” ed ha aggiunto ” Hanno ragione. Anch’io da tifoso li avrei esposti. Non so cosa rispondere. Vero è che dobbiamo essere più forti dal punto di vista societario”.

Parole chiare anche le sue che lasciano intendere la possibilità di un restyling societario. In ogni caso la Società sarà tenuta a rispondere ai 12 questiti:

1) Secondo lei perché tutto lo stadio ha applaudito i recenti striscioni della Curva riguardanti la società?

Dedicati a Branca e Fassone, ritenuti colpevoli della campagna acquisti (Branca) e di essere stati troppo juventini (Fassone). Moratti li difende consapevole che il primo lavora con budget e direttive al risparmio e il secondo è un professionista attivo sul fronte marketing e stadio.

2) Perché sono stati messi in discussione gli stessi medici con cui abbiamo vinto il Triplete?

Forse perché, a differenza di quanto accaduto con Mourinho, Stramaccioni non ha avuto la personalità per imporsi all’interno del gruppo di lavoro. Mou si scontrava con Combi e alla fine i giocatori, anche acciaccati recuperavano sempre (ricordate Sneijder?). Quest’anno area tecnica e medica sono parse slegate. Anche Mancini aveva avuto di che lamentarsi.

3) Perché il progetto di svecchiare la squadra comporta la vendita dei giovani già presenti in rosa o provenienti dalla Primavera?

Il riferimento è a Balotelli, Destro e, nell’ultima sessione di gennaio, Livaja. Però questa politica ha consentito a Moratti di mettere a bilancio ogni anno importanti plusvalenze.

4) Che senso ha svendere sempre i nostri giocatori?

Non sempre, pensate alla Juventus che ha pagato lo stipendio di Iaquinta e Amauri…. Quando i salari sono così alti c’è solo la strada della cessione in saldo. Non solo per l’Inter.

5) 2010-2013. Dal tetto del mondo si è crollati alla situazione attuale. La causa è da attribuire tutta a giocatori e allenatori di questo periodo?

La causa è anche nella necessità di Moratti di cominciare da subito a inseguire una maggiore sostenibilità economica nella gestione del club. Il Triplete è stato preceduto da tre bilanci con un passivo complessivo da -510 milioni di euro. Insostenibile anche considerati i problemi della Saras. Gli errori ci sono stati (Gasperini), ma molto discende dal cambio di politica.

6) Come mai la società è sempre passiva di fronte ad ogni attacco mediatico?

Putroppoè il  problema storico dell’Inter. A maggior ragione oggi. Società orfana di Mourinho, ma anche Mancini aveva lavorato bene da questo punto di vista. Moratti proverà a mettere una pezza?

7) Non servirebbe un uomo forte capace di gestire tutte le situazioni societarie e mettere la faccia a difesa della società?

Moratti affiderebbe volentieri il ruolo a Leonardo. Non al posto di Branca ma sopra Branca e Ausilio e con poteri pieni anche a livello di immagine. Certo, servono soldi e progetti per riportarlo a Milano.

8) Perché non è mai stato spiegato il motivo dell’allontanamento di Oriali dalla dirigenza?

Questioni personali con Branca.

9) Perché si dice che l’Inter sia una grande famiglia quando è l’esatto opposto? Non si è accorto che tutti pensano a se stessi e alla propria poltrona?

Certo che Moratti se n’è accorto e infatti per la prima volta ha pubblicamente messo in discussione alcuni ruoli che sembravano intoccabili nella società. Il rinnovamento anche al di fuori del campo è iniziato da un anno ed è destinato a proseguire. Non esistono intoccabili.

10) Come si fa a permettere che la seconda maglia dell’Inter sia rossa se si è interisti?

Il cuore dice no ma il Marketig dice si. Ai tifosi è piaciuta (vendite).

11) Si diceva che il suo sogno era la Champions come suo padre… ora si dice che l’altro desiderio sia lo stadio nuovo… Va bene, ma l’Inter?

Lo stadio nuovo è il regalo più bello che Moratti può fare all’Inter. E’ un atto d’amore. E’ programmazione e non disinteresse.

12) Perché chi va via dall’Inter parla sempre bene di lei e male dell’Inter?

Perché Moratti è un padre-padrone ed un signore a livello di stile. Difficile quindi che qualcuno abbia scontri diretti con lui (anche se qualche eccezione c’è e basta ascoltare Gasperini e Benitez), mentre spesso i suoi dirigenti fanno la parte dei  cattivi.

 Le 12 domande (con risposta) rivolte a Moratti

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: