CHAMPIONS LEAGUE 2011/2012

26 08 2011

A Montecarlo sono stati sorteggiati i calendari della Uefa Champions League 2011-2012. L’Inter, nel Gruppo B, esordirà  mercoledì 14 settembre a S.Siro, contro i turchi del Trabzonspor.

Questo il calendario completo dei nerazzurri:
Mercoledì 14 settembre: FC Internazionale-Trabzonspor

Martedì 27 settembre: CSKA Mosca-FC Internazionale

Martedì 18 ottobre: Lille-FC Internazionale

Mercoledì 2 novembre: FC Internazionale-Lille

Martedì 22 novembre: Trabzonspor-FC Internazionale

Mercoledì 7 dicembre: FC Internazionale-CSKA Mosca

Girone non proibitivo ma da non sottovalutare. Contro i russi ci siamo sempre qualificati vincendo; nella Champions del 2007/2008  con l’Inter di Mancini, (a  Mosca 2-1 gol di Crespo e Samuel ed a  Milano 4-2 con doppiette di Cambiasso e Ibrahimovic) e nell’anno del triplete con due 1-0 ( Milito a Milano e Sneijder in Russia), che spalancarono le porte della semifinale. Contro i turchi un precedente in Coppa Uefa 1983/1984 con vittoria nerazzurra per 2-0 (Altobelli e Collovati) a ribaltare la sconfitta per 1-0 subita due settimane prima. Contro il Lille non ci sono precedenti.





Ciao Re Leone!

25 08 2011

Samuel Etò non è più dell’Inter, ha ascoltato le sirene del lontano Daghestan (Russia). Ognuno di noi può cercare d’ interpretare a suo modo la scelta del Re Leone ma in ogni caso non potremo mai dimenticare IL GRANDE UOMO ed il  GRANDE GIOCATORE che, solo per DUE intensissimi anni, ha regalato a noi ed alla nostra Squadra, momenti di gioia assoluta, classe e spettacolo. Arrivava dal Barcellona “vincitutto” dopo uno scambio digerito da pochi. Dicevano che oramai era alla frutta, ma quando è sceso in campo ha sempre dimostrato carattere, forza e rispetto per la maglia. A Moratti, alla firma del contratto, aveva promesso la CHAMPIONS e noi pur apprezzando la prospettiva toccavamo ferro……..ma aveva ragione!  Con una miscela perfetta costruita da  SOCIETA’ e ALLENATORE  ha contribuito pesantemente ad entrare nella leggenda dell’ INTER vincendo SEI TROFEI e segnando 53 reti in 102 partite (in carriera 257 gol su 501 pres.!). Ricorderemo per sempre i suoi sorrisi in campo e quel modo gentile con cui guardava gli avversari dopo un contrasto, preambolo di una zampata felina pronta a colpire la preda con uno dei suoi stupendi gol, da vero RE LEONE.

Per noi TIFOSI i giocatori cambiano ma resta sempre l’INTER. E’ sempre dura separarsi da chi ha regalato emozioni, ma l’ amore per una maglia vale più di qualsiasi giocatore.  Mou disse: ” nessun giocatore è più grande di una società”. 

p.s. Ti prego, ora non dire, come IBRA quando arrivò all’INTER, che fin da quand’ eri piccolo tifavi………ANZHI!  





MILANO è NERAZZURRA

23 08 2011

 

Milano da questa settimana sarà ricoperta da una serie di poster che accompagneranno l’Inter ed i suoi tifosi per tutta la stagione. Ad ogni partita, un soggetto diverso, tutti ispirati da un’ immagine che riconduce alle gesta nerazzurre. Una collezione di immagini che verrà anche riproposta come locandine, liberamente riproducibili da http://www.inter.it: l’obiettivo è tappezzare di nerazzurro Milano e  non solo. I Tifosi di tutto il mondo possono stampare la locandina e dare spazio alla propria fantasia per  identificare in nerazzurro l’ufficio o qualsiasi altro spazio gli venga in mente. 

 





12 Agosto1981 – In ricordo di ANGELO MORATTI

12 08 2011

Sono passati 30 anni dalla scomparsa di Angelo Moratti. Il primo Presidente che ha disegnato in modo indelebile la storia dell’ INTER e che ha trasformato i nostri sogni in realtà. Saremo sempre grati a Moratti per quanto ha dato e sofferto per l’Inter e soprattutto per aver trasmesso i suoi princìpi e le sue passioni. Solo la famiglia Moratti poteva portare l’INTER nella LEGGENDA!  Angelo Moratti è stato un esempio di lealtà,  generosità e coraggio, qualità che hanno da sempre caratterizzato la Famiglia MORATTI e che inevitabilmente hanno segnato l’Inter. Un ricordo per chi non c’è più ma per noi sarà sempre presente.

 





“NON C’E’ PEGGIOR SORDO DI CHI NON VUOL SENTIRE”

12 08 2011

Era già tutto previsto. Dopo un pò di tempo il FURBONE è diventato SANTO ed il TRUFFATO è diventato IMPUTATO. Il Sig. A., come promesso, prosegue nella battaglia per riavere i due scudetti sottratti alla Juve dopo lo scandalo Calciopoli. Adesso lui e i suoi legali, spinti dalla solita stampa italiana pronta a cavalcare l’onda pur di vendere copie, si sono rivolti al Coni, attaccando la Figc e chiedendo un risarcimento danni. I FURBONI, dicono che all’Inter non è stato assegnato lo scudetto degli onesti, ma quello dei prescritti. Che faccia tosta! A noi risulta che a partire dal 1994 (scandalo doping prescritto), la Juve ha “vinto” un bel pò di ‘Titoli dei Prescritti’:  n.3 scudetti, n.1 Champions, n.2 Supercoppe Italiane, n.1 Supercoppa Europea e n.1 Intercontinentale!!   Il Sig. A ha deciso di vestirsi da supereroe per ottenere il consenso dei tifosi, elettrizzati dal suo spirito di “paladino della giustizia” ma anche infastiditi dalla mancanza di vittore. Prego si accomodi, liberissimo di perdere tempo e denaro ma se,  e si sottolinea se, anche l’Inter fosse stata giudicata colpevole all’epoca, forse alla Juve avrebbero inflitto una pena più leggera? I due titoli di certo le sarebbero stati tolti, perché un’eventuale condanna nerazzurra non avrebbe assolutamente abbuonato le malefatte di qualche dirigente zebrato. Il Sig. A dice che per Palazzi “l’Inter è colpevole quanto la Juve ed avrebbe meritato la stessa sorte”. Errore, dimentica che Palazzi per la Juve aveva chiesto la serie C, evitata dopo un patteggiamento con conseguente grande gioia, di dirigenti ed avvocati bianconeri, per il pericolo scampato. Le colpe della Juve sono state verificate e assodate, punto. Nel caso dell’Inter non esiste una sentenza che condanna l’Inter ma solo il rapporto di una pubblica accusa che vale zero senza una replica dell’altra parte in causa. Il compianto FACCHETTI non potrebbe testimoniare e  rispondere  a coloro che lo indicano come il simbolo delle malefatte nerazzurre (!!!??).  Inoltre,il risarcimento danni, per cosa? Dovrebbe la Juventus risarcire le altre società per quanto accertato dai fatti. Invece siamo arrivati alle pretese, quando sarebbe stato il caso di ammettere le proprie colpe e chiudere il discorso una volta per tutte. Ce ne vuole di coraggio!   Sarebbe cosa buona e giusta aprire gli occhi su quanto è accaduto nel passato senza restarne aggrappati e pensare al futuro. 





Auguri Capitano!!!

10 08 2011

Il NOSTRO CAPITANO oggi compie 38 anni, un giorno da ricordare per l’Inter e i suoi tifosi. Javier Zanetti è l’unico inimitabile, ineguagliabile, inarrivabile capitano nerazzurro che dal 1995 festeggia alla Pinetina il suo compleanno. Da sempre rappresenta un esempio per lealtà sportiva ed attaccamento alla maglia. Come calciatore ha vinto di tutto con i colori nerazzurri regalando a noi tifosi quell’immagine di limpidezza che in precedenza era naturale ad un altro nostro grande capitano: GIACINTO FACCHETTI.

AUGURI CAPITANO!!!





Supercoppa a Pechino…ma sembrava di stare in Italia

2 08 2011

 

Sabato 6.8.2011 alle ore 14,00 Inter e Milan si sono giocate la Supercoppa Italiana 2011/2012 a Pechino. Il risultato finale ha premiato i  cugini che con due goal nel secondo tempo hanno rimontato l’iniziale vantaggio di Sneijder (splendida la sua punizione). Discreta la nostra partita dalle due facce: buona la prima mezz’ora ma secondo tempo in affanno con episodi dubbi. Loro hanno giocato d’astuzia e d’esperienza portando a casa il trofeo.

Tante le considerazioni e gli spunti di una partita tipica all’ “italiana”…….con il Milan in campo. Colpisce il BUONISMO DELL’ARBITRO che, come in Italia, quando ha di fronte alcuni giocatori rossoneri si fa piccolo piccolo. E’ preoccupato, teso, ha paura d’offendere qualcuno (chi?). Falli gratuiti e continui, urla, ,minacce ,spintoni ma cartellini niente…come in Italia. Vogliamo ricordare la sceneggiata  in Champions di quest’ anno con l’arbitro….non italiano?  I soliti NOTI hanno potuto fare ciò che volevano a Pechino…….come in Italia. Guarda caso dopo MOU, che certi teatrini li denunciava, i tre derby successivi sono stati uno la fotocopia  dell’altro.    

Altro tema dolente le ASSENZE. Sono pesate e non poco le assenze dei sudamericani e dare questo vantaggio nella partita del primo trofeo della stagione, per giunta contro il milan, non ha certo aiutato.  Eravamo penalizzati ancora prima di cominciare, mancavano giocatori di livello e d’esperienza che soprattutto nelle Finali hanno sempre fatto la differenza.

Colpisce anche una buona parte della STAMPA che da qualche tempo, sempre dopo MOU, ha cominciato a prendere di mira tutto ciò che è INTER e MISTER GASPERINI se ne sta accorgendo. Calciopoli 2, calciomercato, spogliatoio, tutto fa brodo….l’importante è (s)parlare di Inter.

Questo è il calcio in Italia (questa è l’Italia) e se tutti scappano ci sarà un motivo. Chi aveva il coraggio di dire ciò che pensava ed aveva osato scalfire l’ “onore del nostro calcio”, dopo essere entrato nella leggenda vincendo ciò che nessun altro aveva vinto in Italia in così poco tempo, ha dovuto cambiare aria. La verità fa male e tanto male si sentivano certi personaggi con MOU sugli scudi. Volenti o nolenti dobbiamo rimboccarci le maniche ed andare avanti consapevoli che anche questo fa parte del gioco. Da parte nostra la forza e la fiducia nella nostra squadra non deve mai mancare: abbiamo un bravo allenatore ed ottimi giocatori che con lavoro e passione potranno regalarci grandi soddisfazioni…….magari già con la vittoria nel prossimo derby…….magari con un arbitro cinese!

FORZA INTER!!!!  

p.s.

Supercoppa 2009 a Pechino – LAZIO 2 – Inter 1 (anno del Triplete)Supercoppa 2011 a Pechino – Milan 2 – Inter 1